AGN Amministratori Giudiziari Network

Il primo network di amministratori giudiziari....

Contattaci
Member of 

MCA Network

 

Imprese sequestrate e attive: clicca qui per aprire l’intero documento

 

Il disegno di legge di stabilità per il 2016 prevede l’istituzione di un fondo per le aziende sequestrate e confiscate.

Il comma 195 della L. 208/2015 stabilisce che per ciascun anno del triennio 2016/2018 è autorizzata la spesa di 10 milioni di euro al fine di assicurare alle aziende sequestrate e confiscate alla criminalità organizzata nei procedimenti penali per i delitti di cui all'articolo 51, comma 3-bis, del codice di procedura penale e nei procedimenti di applicazione di misure di prevenzione patrimoniali, limitatamente ai soggetti destinatari di cui all'articolo 4, comma 1, lettere a) e b), del codice di cui al decreto legislativo 6 settembre 2011, n. 159, la continuità del credito bancario e l'accesso al medesimo, il sostegno agli investimenti e agli oneri necessari per gli interventi di ristrutturazione aziendale, la tutela dei livelli occupazionali, la promozione di misure di emersione del lavoro irregolare, la tutela della salute e della sicurezza del lavoro, il sostegno alle cooperative previste dall'articolo 48, comma 3, lettera c), e comma 8, lettera a), del citato codice di cui al decreto legislativo n. 159 del 2011. Il comma 196 prosegue, prevedendo che le risorse di cui al comma 195 confluiscono: a) nella misura di 3 milioni di euro annui, in un'apposita sezione del Fondo di garanzia per le piccole e medie imprese, di cui all'articolo 2, comma 100, lettera a), della legge 23 dicembre 1996, n. 662, destinata alla concessione di garanzie per operazioni finanziarie erogate in favore di imprese, di qualunque dimensione, sequestrate o confiscate alla criminalità organizzata, come individuate al comma 195 del presente articolo, ovvero di imprese che rilevano i complessi aziendali di quelle sequestrate o confiscate alla criminalità organizzata, come individuate al medesimo comma 195; b) nella misura di 7 milioni di euro annui, in un'apposita sezione del Fondo per la crescita sostenibile, di cui all'articolo 23 del decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 134, per l'erogazione di finanziamenti agevolati in favore delle imprese di cui alla lettera a). Secondo le previsioni del comma 197, con decreto del Ministro dello sviluppo economico, di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze, sentito il Ministro della giustizia, sono determinati, nel rispetto delle vigenti disposizioni in materia di aiuti di Stato, i limiti, i criteri e le modalità per la concessione delle garanzie e dei finanziamenti di cui al comma 196, lettere a) e b). I predetti criteri sono formulati avuto particolare riguardo per le imprese che presentano gravi difficoltà di accesso al credito. Il comma 198, infine, stabilisce che in caso di revoca del provvedimento di sequestro, in qualunque stato e grado del procedimento, l'avente diritto, quale condizione per la restituzione dell'azienda, è tenuto a rimborsare gli importi liquidati dalla sezione di cui al comma 196, lettera a), a seguito dell'eventuale escussione della garanzia. Con il decreto di cui al comma 197 sono disciplinate le modalità per la restituzione, con applicazione di interessi a tassi di mercato, della quota residua del finanziamento erogato, per il caso di revoca del provvedimento di sequestro. Si tratta di un Fondo per il credito alle aziende sequestrate e confiscate alla criminalità organizzata, con una dotazione di 10 milioni di euro annui per il triennio 2016-2018. La finalità perseguita è la continuità del credito bancario e l'accesso al medesimo, il sostegno agli investimenti e agli oneri necessari per gli interventi di ristrutturazione aziendale, la tutela dei livelli occupazionali, la promozione di misure di emersione del lavoro irregolare, la tutela della salute e della sicurezza del lavoro, il sostegno alle cooperative. Si rileva la sensibilità del governo su un tema proposto negli ultimi anni, in particolare nel corso dei lavori congressuali dell’INAG del 2014, quando il vice ministro Morando si impegnò in tal senso. Non si può , tuttavia, rilevare l’esiguità della dotazione finanziaria. Infatti, si potrebbe puntare a un utilizzo più massiccio degli strumenti finanziari a disposizione attualmente giacenti nel FUG ( Fondo Unico Giustizia ) di Equitalia per oltre 3 miliardi. Pur volendo limitarsi alla parte definitivamente confiscata, pari a circa 500milioni, si potrebbe davvero incidere significativamente sulla sorte di queste aziende, puntando al raggiungimento degli obiettivi programmati. Senza la necessità di un utilizzo diretto. Basterebbe la costituzione di idonee garanzie in favore di intermediari finanziari da porre a base di ordinarie forme tecniche di finanziamento. Appare pertanto auspicabile un significativo incremento della dotazione e , soprattutto, la rapida emanazione dei decreti attuativi.

(Domenico Posca)

 

NetworkIl network di amministratori giudiziari

Un gruppo di professionisti...
Leggi Tutto

Chi SiamoEsperti nella gestione di aziende sequestrate

Comunicazione & condivisione...
Leggi Tutto

ObiettiviAggregare professionisti e competenze

Organizzare & innovare
Leggi Tutto

ServiziGli ambiti di attività e di consulenza del Network

Servizi, Consulenza & Formazione
Leggi Tutto
AGN
Amministratori Giudiziari Network

Il gruppo di professionisti esperti in amministrazioni giudiziarie riunito in un network finalizzato al miglioramento della gestione dei beni e delle aziende sequestrate.

Photo Gallery

La photo gallery del Network AGN: